1038
1038

L′allegra festa di Carnevale, dalle origini assai remote, si celebra ogni anno in molte città d′Italia, che danno vita a colorate sfilate e riproducono antiche tradizioni. Il Salento non è da meno: sia nei suoi piccoli centri, che nelle grandi cittadine, potrete ammirare e partecipare a ricche e vivaci sfilate, dove i singoli cittadini sfoggiano abiti e maschere tradizionali o fantasiosi e seguono in corteo i carri, ogni anno molto creativi.

In alcuni centri in particolare, come a Gallipoli e a Supersano, il Carnevale è un appuntamento importante e seguito, che raduna ogni anno tantissimi curiosi e turisti, per via delle sontuose sfilate che vengono organizzate. Scopriamo alcune curiosità sulle principali sfilate del Salento.

Il Carnevale di Gallipoli

Il Carnevale di Gallipoli è sicuramente il più celebre ed affermato di tutta il Salento e uno dei più conosciuti della Puglia, la cui prima edizione risale al 1941. L’avvio del periodo dei rituali legati al Carnevale si è avuto lo scorso 17 gennaio, con l’accensione della tradizionale focara (focareddhra in salentino), e termina il martedì grasso.

La festa è un tripudio di maschere, colori e carri allegorici che sfilano per le vie della città in un’atmosfera allegra e vivace, che raggiunge il suo culmine alla comparsa di un personaggio storico del Carnevale: “U Titoru”, ovvero Teodoro. Questo è l’emblema di questa festa, ossia la maschera tipica del Carnevale di Gallipoli.

La storia narra che fosse un giovane del luogo che, tornato dal servizio di leva, chiede alla madre un piatto di polpette prima di cominciare il digiuno della Quaresima. La madre esaudisce questo suo desiderio, ma nel mangiare con troppa foga muore strozzato da una polpetta. La scenetta della morte di Titoru rivive ogni anno attraverso un gruppo mascherato nel quale c’è un giovane che lo rappresenta, insieme ad altri “attori” che interpretano la madre ed un gruppo di comari affrante che piangono ed urlano disperatamente per la sua morte.

Il Salento, come tutta la Puglia, possiede una vasta ricchezza enogastronomica e vanta delle ricette che vengono riproposte nel corso di questo periodo, come le chiacchiere, cannelloni di Carnevale, la classica focaccia di Carnevale e naturalmente del buon vino. Se ci si concede qualche giorno in più, oltre ad assistere al Carnevale, vale la pena visitare anche la città di Gallipoli, visto che offre tante cose da vedere.

Durante le sfilate di Carnevale, inoltre, si può cogliere l’occasione di poter fare un giro attraverso i monumenti di maggiore interesse storico ed artistico: le mura della città, le confraternite della Purità San Francesco, il Rosario, la cattedrale dedicata a Sant’Agata e la fontana.

Il Carnevale di Supersano….e non solo

Lo Spirito del Carnevale rivive anche a Supersano, dove da 36 anni ormai si organizza questa festa con grande euforia e tanto divertimento. D’altronde giovialità e ilarità sono caratteristiche che contraddistinguono da sempre il popolo salentino! Attraverso la fantasia e la creatività delle associazioni culturali e dei singoli cittadini di questo paese del Salento, prendono vita grotteschi personaggi e piacevoli allestimenti, che vengono preparati meticolosamente già dal mese di settembre, quando si definisce il tema della nuova edizione.

La maggior parte delle scenografie dei carri e delle maschere vengono preparate mediante la lavorazione della cartapesta, che da sempre hanno reso il Carnevale di Supersano noto per la raffinatezza, l’eleganza e l’originalità dei costumi, sempre molto ricercati. Anche qui, se avete del tempo a disposizione, potete organizzarvi un minitour per visitare la città: oltre ai Menhir sparsi sul territorio, potete visitare la Chiesa Madre di San Michele Arcangelo, la cripta denominata della Coelimanna o Virgo Manna Coeli, ed il Castello, sorto nel 1528.

Infine, se trascorrerete l’ultima domenica di febbraio nel Salento, avrete la possibilità di visitare altre sfilate nei piccoli e caratteristici centri del Salento, come Copertino, Borgagne, Andrano, Aradeo, Casarano, Corsano, Scorrano, Nardò e infine Melendugno. Insomma, dovete solo scegliere dove divertirvi e rimpinzarvi la pancia!

In questo articolo