2087
2087

L’estate è sempre più vicina e capita sempre più spesso, con l’aumentare della temperatura e l’incedere della bella stagione, di pensare a dove trascorrere e come organizzare le vacanze estive. Le località turistiche più gettonate, in cui concedersi un sereno periodo di relax, sono varie e propongono diverse tipologie di attrazioni, ma chi ha bambini deve poter scegliere strutture ricettive che possano soddisfare anche i loro bisogni.

Che tipo di vacanza scegliere? Quale meta prediligere? Naturalmente le esigenze dei bambini variano in relazione alla loro età, tuttavia si può certo consigliare una vacanza in una delle spiagge del Salento che, di recente, hanno ottenuto il riconoscimento di Bandiera Verde, conferito da un’equipe di pediatri.

Situata nel cosiddetto Tacco d’Italia, la penisola salentina gode di un clima mite tutto l’anno, la costa, bagnata dal mar Jonio e dall’Adriatico, si compone in alcuni tratti di rocce alte e frastagliate, in altri di scogliere basse e, in altri ancora, di lunghe distese di sabbia.

Naturalmente, sono stati, per lo più, i lidi sabbiosi ad aver ricevuto il riconoscimento “bandiera verde” dai pediatri, per la presenza di spazi adatti ai bambini, fondale basso a riva, acqua salubre e pulita, giochi e servizi per mamme e piccini.

Le spiagge salentine con Bandiera verde

Chi sceglie di trascorre una vacanza estiva nel Salento con figli piccoli a seguito, potrà orientarsi verso un soggiorno nelle bellissime spiagge di Pescoluse, Lido Marini, Gallipoli e Porto Cesareo sulla costa ionica, mentre sul versante adriatico può optare per le marine di Melendugno (indirizzandosi verso le zone sabbiose) e Otranto con i Laghi Alimini.

Tutte queste marine sono caratterizzate da sabbia fine e bianca, ideale per i giochi dei bambini, da un mare pulitissimo e cristallino, che degrada dolcemente, in cui i bimbi possono fare le prime esperienze di nuoto, senza incorrere in nessun rischio.

Inoltre, sono presenti tantissime strutture attrezzate, che offrono importanti servizi, come aree per l’allattamento, spazi e attività per i giochi dei bimbi sotto lo sguardo vigile dei genitori e dei bagnini, ristoranti e bar per il ristoro, con pietanze fresche pensate anche per i più piccoli.

Per favorire le esigenze dei propri figli, sarà preferibile evitare le località più affollate, rumorose, e optare per una spiaggia più adatta alla famiglia, in cui i bambini possano giocare serenamente e gli adulti concedersi tutto il relax che desiderano, senza per questo rinunciare al comfort e al divertimento.

Infine, sono consigliati vivamente i parchi naturali, gli agriturismi e le masserie dove i bimbi, soprattutto quelli abituati in città, possono sperimentare la vita all’aria aperta.

In campagna i piccoli possano lasciarsi andare con corse a perdifiato, immersi nella natura più viva, giocare tra alberi e arbusti ed osservare da vicino gli animali, che si possono trovare in molte fattorie aperte ai visitatori. Infine, attraverso i laboratori organizzati, si può assistere alla trasformazione del latte in latticini e in formaggio, si possono compiere percorsi naturalistici nei boschi, svolgere attività rivolte alla scoperta delle piante officinali: tutte esperienze utili alla formazione e alla crescita dei bimbi.

In questo articolo