2211

Nelle meravigliose campagne del Salento potete ammirare una pluralità di arbusti e di vegetazione. Indubbiamente, i maestosi alberi di ulivi e le grandi querce catturano subito l’attenzione di chi si perde a contemplare le grandi campagne salentine. Eppure, nella terra salentina è molto semplice imbattersi anche nelle splendide orchidee.

Delle oltre 120 specie di orchidee che si trovano su tutto il territorio italiano, ben 80 si trovano in Puglia e di queste, 34 nella zona del Salento. In queste zone, inoltre, si è verificata la nascita di “ibridi” molto particolari, che caratterizzano il territorio con i loro colori e profumi.

Le Orchidaceae, una famiglia con molte specie.

In tutto il pianeta, le specie appartenenti alla famiglia delle Orchidaceae sono oltre 20.000, la maggior parte delle quali tropicali e il loro habitat naturale è sui tronchi degli alberi. Queste orchidee sono caratterizzate da fiori di grandi dimensioni, invece quelle che si trovano in Europa e quelle del Salento tra queste, hanno fiori di piccole dimensioni e nascono e crescono nei campi.

Le orchidee del Salento sono caratterizzate da una rara bellezza, anche se per ammirarle è necessario fare molto attenzione poiché, di norma, non riescono a superare in altezza gli arbusti e le erbe in mezzo alle quali si trovano. Alcune di queste specie, come l’Orchis lactea e l’Anacamptis Pyramidalis, sono molto diffuse e nel periodo della loro fioritura animano le campagne con i loro bellissimi colori e con i loro accattivanti profumi, molto intensi e simili alla fragranza di vaniglia.

Altre specie di orchidee presenti nel territorio salentino sono il Limodorum abortivum e l’Epipactis microphylla: queste, invece, sono scarsamente diffuse e si trovano solo in rari esemplari. Infine, ci sono specie rarissime come l’Orchis Italica e l’Aceras antropophorum, delle quali sono stati ritrovati solo 2 esemplari, e specie di cui si sono perse del tutto le tracce, come l’Ophrys ciliata.

In primavera i prati del Salento e anche alcuni lembi della macchia mediterranea vedono la crescita e la fioritura di migliaia di esemplari, tra i più diffusi l’Orchis, Serapias, Ophrys e Anacamptis, che si possono vedere tra i campi e che incantano per la loro bellezza straordinaria.

Il Parco Regionale Naturale

Molte di queste specie si trovano nel Parco Naturale Regionale “Litorale di Ugento”. Il parco si trova vicino a due località marine, Torre Mozza e Torre San Giovanni. Proprio in questo parco, Roberto Gennaio, un esperto sulla “prevenzione dell’ambiente”, mentre stava effettuando degli studi ha scoperto un nuovo ibrido della famiglia delle Orchidaceae. L’ibrido è stato denominato “Ophrys ozantina”, proprio per ricordare Ugento e il suo Parco Naturale, un luogo dove vivono e proliferano altre specie “endemiche”,  che nel periodo primaverile permettono di ammirarne la splendida fioritura.

In questo articolo