1517

Gallipoli, graziosa cittadina del Salento, offre un nutritissimo elenco di bellezze, sia naturali che architettoniche, capaci di stregare con il loro fascino ogni turista.

La sua conformazione contribuisce a renderla una meta turistica particolarmente suggestiva: un isolotto circondato dal mare e collegato alla terraferma mediante un ponte, che fa da cerniera fra la città vecchia e quella moderna.

Il borgo antico costituisce un punto incredibilmente interessante per tutti coloro che amano passeggiare in una cornice piena di bellezze architettoniche e artistiche, impregnate di storia. La città nuova, al contrario, presenta tantissimi negozi vivaci, ideali per lo shopping e per acquistare simpatici e tipici souvenir e locali moderni dove degustare qualche piatto tipico.

Prima di andare alla scoperta delle meraviglie del luogo, facciamo una piccola parentesi sull’ospitalità. Sono tante le strutture ricettive, che accolgono i turisti e i viaggiatori che ogni anno transitano per la “Città Bella”. Non è difficile trovare Case Vacanze, Residence, B&B o Hotel a Gallipoli in cui soggiornare.

La città vecchia

Adagiata sull’acqua e protetta dalla sua cinta muraria, la città di fondazione greca è una delle tappe imperdibili di un viaggio nel Salento, con il suo dedalo di vicoletti, i palazzi antichi e gli edifici barocchi. Le case sorgono addossate le une alle altre e formano un vero e proprio labirinto di stradine che nascondono decine di facciate ed elementi di grande rilevanza architettonica. La struttura urbana fu così organizzata dai coloni greci che intendevano difendere le loro abitazioni dai forti venti che spazzano il borgo.

Il castello

La fortezza è di origini angioine e sorge all’inizio del ponte che congiunge la città vecchia all’abitato moderno. Il castello non è visitabile, eccezion fatta per il Rivellino, la parte più alta dell’edificio che in estate ospita una sala cinematografica. Il castello venne costruito a guardia del porto nell’XI secolo, al di sopra delle fortificazioni romane preesistenti. Custodisce ancora alcuni dei cannoni e delle catapulte che furono impiegati per difendere la città dai numerosi invasori.

La cattedrale di Sant’Agata

Nel centro storico spicca per bellezza e imponenza la Cattedrale di Sant’Agata, la cui facciata è uno splendido esempio di architettura barocca. L’elevato numero di tele conservate al suo interno la qualificano a tutti gli effetti come una pinacoteca: spiccano le pale d’altare con le Storie dei Santi e le grandi tele settecentesche raffiguranti episodi del vecchio e del nuovo testamento, della vita di Sant’Agata e del Martirio di San Sebastiano.

La Chiesa di San Francesco d’Assisi

Tra le chiese da non perdere figura quella dedicata al santo di Assisi, nella quale è conservata la statua lignea del “malladrone”, il cattivo ladrone che fu crocefisso di fianco a Gesù e che fu definita da D’Annunzio “un capolavoro di orrida bellezza”. Il ladrone è raffigurato con un ghigno e la leggenda vuole che i suoi abiti debbano essere restaurati annualmente, perché lisi e consumati dalla continua lotta del ladrone che cerca di ribellarsi contro la sua sorte.

Le spiagge

Chi visita Gallipoli lo fa soprattutto per le sue incantevoli spiagge. La cittadina è nota per i suoi due litorali: a sud la costa è bassa e sabbiosa, ricca di stabilimenti balneari e celebre per le sue secche, che le consegnano un aspetto vagamente tropicale; a nord il litorale è frastagliato e roccioso e l’assenza di sabbia rende i fondali trasparenti e perfetti per chi pratica le immersioni.

In questo articolo