7417
7417

Le Bandiere Blu assegnate quest’anno dalla FEE, la Foundation for Environmental Education, sono state accolte con grande entusiasmo dai sindaci delle località interessate.

Le amministrazioni, infatti, hanno ricevuto una gratificazione per l’impegno a mantenere il mare e le spiagge pulite, oltre che a garantire una serie di servizi utili ai turisti, che anche quest’anno sceglieranno il Salento come meta delle loro vacanze.

I turisti attesi in Puglia possono contare, dunque, su un mare pulito e sulla promozione, anche nelle scuole, di un turismo sostenibile, che è tra i motivi per cui queste spiagge sono state premiate.

Le bandiere blu sono state assegnate a molte marine di Melendugno (quali Roca Vecchia, San Foca, Torre dell’Orso, Torre Sant’Andrea e Torre Specchia) a Otranto (con le sue località più note e belle come la zona della Baia dei Turchi, quella dei Laghi Alimini e Porto Badisco) a Castro e a Salve (che vanta le marine di Pescoluse, Torre Pali e Posto Vecchio).

Le particolarità delle spiagge del Salento “bandiera blu”

Ognuna di queste spiagge salentine è stata premiata per delle particolarità che suscitano l’apprezzamento e l’interesse dei turisti, oltre che per la bellezza incondizionata dei paesaggi paradisiaci, in cui è possibile rilassarsi e divertirsi.

Le marine di Melendugno si caratterizzano per la presenza di zone di indubbio splendore come, per citare una delle località più famose, Roca Vecchia famosa per la presenza della meravigliosa Grotta della Poesia, all’interno della quale le sfumature del mare creano una magia particolare. San Foca, invece, è una località balneare formata principalmente dai fondali bassi e dall’acqua di un verde trasparente, ideale anche per i bambini. Durante una vacanza in questa piccola, ma graziosa marina, potete ammirare la zona delimitata dal porto e dal lungomare panoramico.

Fra le marine di Melendugno insignite del riconoscimento della Bandiera Blu, non poteva mancare Torre dell’Orso, famosa per la presenza dei “Faraglioni delle 2 sorelle“: formazioni carsiche perfettamente identiche e ravvicinate. Questa marina è circondata da una ricca vegetazione ed è formata da una costa alta e da scogli da cui ammirare i vivaci colori del mare limpido. I fondali, tendenzialmente bassi per molti metri, sono adatti anche alle immersioni, durante le quali poter scorgere la vegetazione marina.

Infine, anche Torre Sant’Andrea è uno spettacolo della natura da contemplare, grazie alle sue grotte naturali, agli archi e al bianco abbagliante della scogliera. Le spiagge sono piccole e raggiungibili quasi esclusivamente via mare.

Un posto di rilevo merita la meravigliosa Otranto, che si riconferma per il 10° anno consecutivo “bandiera blu” e centro preferito da chi vuole vivere il Salento, sia per il mare che per la sua storia. A questo proposito, chi ha il privilegio di recarsi a Otranto, non può mancare di visitare lo straordinario centro storico.

Anche Castro ha ricevuto ancora una volta la bandiera blu, riconoscimento che riceve dal 2008 grazie agli straordinari paesaggi di cui si compone, alla bellezza della sua costa frastagliata, al suo mare che stupisce quanto a bellezza e colori. Inoltre, a determinare il fascino di questa incantevole marina, è anche la presenza della Grotta della Zinzulusa (una delle quattro grotte che potete ammirare lungo la sua costa) di incredibile interesse paesaggistico quanto storico.

L’unica località, tra le quattro premiate, ad essere situata sulla costa ionica del Salento è Salve, premiata grazie a marine fantastiche come Pescoluse, che somiglia a una spiaggia esotica, con acque tra il turchese e l’azzurro chiarissimi e la sabbia soffice e dorata e Torre Pali. Quest’ultima presenta fondali bassi e si caratterizza per la presenza della torre, che è molto vicina al bagnasciuga.

Qualsiasi sia la meta da voi prescelta per la vostra vacanza nel Salento, certamente potrete godere del mix tra qualità e bellezza che questo lembo d’Italia è in grado di offrire.

In questo articolo