2499

La marina di San Gregorio è ideale per tutti coloro che amano trascorrere una vacanza estiva all’insegna della tranquillità e del relax.

Marina di Patù, piccolo centro di origine messapiche (nome originario era Veretum), San Gregorio è situata nelle vicinanze di Santa Maria di Leuca e si presenta come una piccola insenatura naturale, nascosta tra il verde della vegetazione che popola la costa.

La storia di San Gregorio

Questa straordinaria località balneare prende il nome da una torre di avvistamento, Torre San Gregorio, costruita nel XVI secolo per proteggere il territorio dall’occupazione dei Saraceni e dei Turchi, a cui il Salento era costantemente esposto.

Come Patù, anche la piccola marina, risale al tempo dei Messapi e secondo le ipotesi degli studiosi, veniva usata per trattative commerciali, come testimoniano alcuni ruderi. Ad esempio, deriva dall’epoca messapica parte di una scalinata in pietra tufacea, costituita da rocce squadrate, che dal porto risale verso la collina.

Inoltre, sui fondali del mare di San Gregorio sono stati ritrovati alcuni cocci di anfore e vasi che lasciano pensare al passaggio di imbarcazioni commerciali romane.

La costa

Scegliere San Gregorio come meta delle vacanze estive significa regalarsi la visione di straordinari scenari naturali. La costa è caratterizzata di scogliera bassa che consente un facile accesso al mare e solo raramente ci sono, nelle vicinanze della riva, delle linee di sabbia.

Nei paraggi della bellissima insenatura l’alta scogliera a strapiombo permette di osservare la grande distesa del mar Ionio su cui la marina si affaccia.

Inoltre, trascorrere un soggiorno a San Gregorio è vantaggioso perché è vicinissima ad altri luoghi di grande interesse turistico, non solo alla bellissima Santa Maria di Leuca, ma anche a Torre Vado e a Pescoluse, località dove si trovano le famosissime Maldive del Salento.

In questo articolo