1463
1463

Le vele blu sono il riconoscimento che il Touring Club Italiano, in collaborazione con Legambiente, assegna per premiare la bellezza delle coste che maggiormente si distinguono nel territorio italiano. Anche quest’anno non mancano le località salentine, come quelle di Otranto, Melendugno e Castro.

Alle 3 località sono state assegnate 5 vele, l’onorificenza più alta che si possa dare a luoghi che, oltre alla bellezza naturale, vantano la messa in atto di politiche di eco sostenibilità del territorio e di gestione della zona antistante i luoghi di villeggiatura. Inoltre, le marine vengono premiate anche per i servizi elargiti ai turisti, per la cura dei centri storici, per la qualità delle acque del mare e per l’eccellenza enogastronomica.

Otranto, la città più a Oriente d’Italia

Otranto è uno dei centri più belli e più pittoreschi di tutto il Salento. Uno dei principali luoghi d’attrazione è il castello, mantenuto ancora in ottime condizioni, che fu costruito nel XI secolo da Federico II di Svevia, grande mecenate.

Durante l’anno e, maggiormente, durante la stagione estiva, il castello aragonese è location di manifestazioni culturali come mostre, incontri e seminari, organizzate nelle sue stupende sale.

Entrato di diritto tra i “borghi più belli d’Italia”, Otranto merita di essere visitata per i suoi straordinari vicoli, dove si affacciano le botteghe di artigianato locale, le chiese antiche e di straordinario valore artistico e culturale, come la Cattedrale dell’Annunziata e la Chiesa di San Pietro e tantissimi punti di ristoro dove assaggiare la tipica cucina locale.

Naturalmente, Otranto vanta delle spiagge bellissime, come la nota e bellissima Baia dei Turchi e la splendida distesa di sabbia che caratterizza la località dei Laghi Alimini. Divertimento e relax sono garantiti!

Melendugno e le spiagge più belle del Salento

Melendugno è un piccolo centro dell’entroterra salentino, ma vanta la presenza di fantastiche marine che da anni sono gettonatissime tra i tanti turisti in vacanza nel Salento.

Nelle vicinanze del centro abitato, lungo le caratteristiche campagne, tra gli oliveti potrete ammirare i famosi menhir, conosciuti col nome di “placa” e “gurgulante”, che risalgono a un periodo compreso tra il IV e il III secolo a.C.

Questa zona fu abitata dalla misteriosa civiltà messapica, di cui si possono osservare tante tracce, tra cui antichi muretti e resti di edifici che formano un sito archeologico di tutto rilievo.

Le spiagge di Melendugno sono considerate tra le più belle del Salento e hanno, pertanto, ricevuto il riconoscimento delle 5 vele blu meritatamente. Roca Vecchia, che sulla propria costa conserva i resti di un castello del ‘500, si caratterizza per la presenza della bellissima Grotta della Poesia. Si tratta di un imponente monumento naturale, dove poter fare un tuffo in acque cristalline.

San Foca si caratterizza per la sua antica torre costiera, mantenuta ancora in buone condizioni. La costa è a volte battuta dai venti, che la rendono ideale per gli sport acquatici. Le lunghe distese di spiaggia permettono di rilassarsi sotto il sole e di divertirsi in estrema tranquillità, grazie anche a tutti i comfort che sono offerti dagli stabilimenti balneari. La stessa situazione confortevole si può vivere sulla lunga lingua sabbiosa che caratterizza la stupenda Torre dell’Orso. Essa è famosa anche per i suoi faraglioni gemelli, detti “Le due sorelle” e per il mare limpido.

Spettacolare, infine, anche la marina di Torre Sant’Andrea, che si caratterizza per la presenza di straordinari faraglioni lambiti dal mare azzurro e dalla costa formata da baie e piccole spiagge di sabbia bianchissima.

Castro e le bellezze paesaggistiche

Tra le marine insignite delle 5 vele blu, non poteva mancare Castro. Questa marina, collocata sul litorale adriatico del Salento, si caratterizza per i paesaggi meravigliosi. Oltre alle bellezze del borgo, caratterizzato da una zona più antica, formata da vicoli e importanti attrazioni turistiche (su tutti, risaltano il Castello, del XV secolo, e la cattedrale bizantina dell’Annunziata, risalente al 1171), Castro si compone di una costa rocciosa, lambita da acqua che tocca varie sfumature di azzurro e verde.

Durante una vacanza a Castro, non mancate di visitare la “Grotta Zinzulusa”, una delle insenature carsiche che rientrano nel territorio di questa località. La grotta è profonda circa 160 m ed è visitabile grazie a delle passerelle. Ogni giorno ci sono tour organizzati che permettono di addentrarsi al proprio interno per ammirare le bellissime stalagmiti e stalattiti e per ammirare gli ambienti dove sono stati ritrovati anche dei preziosi reperti.

In questo articolo